Chi Siamo

ERALDO ZEGNA

Che dire di me….

Sono nato il 7-5-1955 a Occhieppo Inferiore (Bi), dove abito tutt’ora. Sono sposato con  Marinella, con la quale condivido anche tutte le mie passioni.

Tel + Fax  015591015

cell.  339 8208246

e-mail: eraldo@orsochecammina.eu

Sono un ricercatore di nuovi stili di vita, più compatibili con il mio desiderio di libertà, di rispetto degli altri e dell’ambiente, in cui la partecipazione diretta sia la base della socialità.

Lavoro in più settori che seppur separati hanno come obiettivo comune il risparmio energetico ed il miglioramento della qualità della vita.

Dal 1993  ho dato vita a  Z.E.co (ho frequentato la Scuola di naturopatia di RIZA PSICOSOMATICA presso la sede di Torino con specializzazione in nutrizionistica e bio-energetica (massaggio e counseling) e la Scuola di naturopatia vibrazionale e rediestesia del Dott. IERO a Firenze

Sono iscritto al Registro Professionale S.I.A.F. con il n.  P1065P-OP (come OPERATORE OLISTICO PROFESSIONALE), e mi dedico alla diffusione delle energie rinnovabili, in particolare il solare termico ed il recupero delle acque piovane come progettista e consulente, proponendo parallelamente le migliori tecniche di bonifica ambientale dalle geopatologie (faglie geologiche, falde acquifere,inquinamento elettromagnetico interno ed esterno).

Parallelamente mi dedico alla medicina naturale ed alle tecniche di naturopatia in particolare  al wellness olistico proponendo tecniche di bioenergetica e radiestesia sia per l’uomo che per il suo ambiente abitativo e di lavoro.

In particolare: massaggio antistress, micromassaggio, “brush massage” defaticante, bio-energetica,cromoterapia, aromaterapia, rigenerazione energetica ed  alimentare.

Questa disciplina è un’attività esclusiva messa a punto per fornire a chi la pratica gli strumenti adatti per migliorare il proprio stile di vita nel quotidiano e si pone come obbiettivo il recupero della forma ottimale sia dal punto di vista fisico che psichico.

L’intero metodo si svolge in modo residenziale e si compone di più attività quali:

– la dietetica naturale ed eubiotica ( non solo vegetariana)

– il massaggio psicosomatico e bio-energetico

– respirazione ed attività fisiche mirate

– utilizzo di preparati erboristici ( completamente naturali)

La rigenerazione alimentare è un metodo completo personalizzato che però, in diverse sue parti, può favorevolmente essere applicato in gruppo.

Come tutte le discipline olistiche mira ad un benessere generalizzato dell’uomo inteso come unità indivisibile, promuove l’autoguarigione e l’auto esecuzione delle attività proposte .

Mi interesso da sempre del territorio biellese, della sua conservazione e delle possibilità di sviluppo turistico (Corso Provinciale di OPERATORE TURISTICO)

Dal 2005 al 2009 sono stato responsabile della Cooperativa 7 Fontane per la gestione degli   appartamenti di EUROIVILLAGE VALLE ELVO, una nuova forma di “albergo diffuso “ sul  territorio di 3 Comuni ( Sordevolo, Muzzano e Graglia) composto da 32 alloggi per circa 120 posti letto.

Ho praticato a livello agonistico la pallavolo sia come giocatore che come allenatore e dirigente sportivo  regionale e lo sci ( discesa e free-style).

Ho ottenuto presso la F.I.P.S. i tre principali brevetti di immersione subacquea in apnea, con respiratore ad ossigeno e con respiratore a miscele composte, ma in seguito ad un incidente ho dovuto abbandonare questo sport.

Attualmente pratico lo sci alpinismo, il fondo, il trekking sia estivo che invernale con le ciaspole ed il Nordic Walking.

Da più di 20 anni mi occupo di educazione ed addestramento dei cani sia nel settore agonistico ( agility-dog, traino e sledog) che dell’utilizzo civile ( pet-therapy per disabili fisici e psichici, ricerca e protezione civile).

Sono stato allievo dei migliori istruttori in Europa, quali Matteo Rino Pittavino, il francese Debonduwe e la svedese Sijostensen e, dal 1990, sono stato Istruttore del Centro Cinofilo del Biancospino di Casteggio ( Pv).

Con i miei cani ho partecipato a molte competizioni con ottimi risulati tra i quali spiccano la partecipazione alla Squadra Nazionale di agility-dog per i Campionati Europei del 1989 in Francia e la partecipazione nel 1991 quale unico equpaggio italiano  al RAID DES SABLES, una corsa a tappe per cani da traino svoltasi da Lione (F) ad Agadir ( Marocco).

Ho compiuto diversi viaggi, con tutti i mezzi di spostamento, dall’autostop alla bike, alla moto e all’auto, sia in solitaria che in gruppo, sia come agonista che come organizzatore o semplice viaggiatore.

Tra quelli che ricordo con più piacere:

Biella –Teheran- Bagdhad, nel 1974, il mio primo viaggio extraeuropeo, in compagnia di un amico e con una vecchia “Ford Cortina” con più di 100.000 Km

Marrakesh- Tinehrir attraverso l’Alto Atlante in bike nel 1983

Biella – Ankara – Lago Van in moto lungo le piste carovaniere nel 1987

Traversata a piedi di circa 200 Km in Svezia nella Terra dei Sami, dog-trekking con cani samoiedo

Vorrei riprendere a viaggiare, riducendo un po’ le altre attività, così, con altri amici, ho dato vita all’Associazione  “L’Orso che cammina”  (orsochecammina.eu) una piccola associazione che si prefigge di far conoscere il Biellese ed il suo territorio e di proporre nuove forme di viaggio ai biellesi per mezzo della quale organizzo proposte turistiche per il benessere e turismo verde.

Conosco piuttosto bene il territorio prealpino e montano del Piemonte e della Liguria, dove ho organizzato, in collaborazione con guide esperte, diversi  trekking volti anche alla riscoperta della cucina naturale e delle tradizioni gastronomiche delle valli ed escursioni di 1 o più giorni, proponendo anche attività di meditazione in movimento e “stoning” .

Sono esperto di cucina naturale e di cucina antica piemontese e collaboro con la Scuola di Cucina “Martin Sëc” (www.martinsec.it) di Biella per i corsi sul vegetarianesimo-veganesimo e di cucina bio-energetica.


 

Progetto Sviluppo Turismo

L’organizzazione “L’ORSO CHE CAMMINA” nasce dall’impegno di alcuni soci del Circolo “W. Frignani” di Biella Vandorno, con l’intento di diventare un polo di attrazione per il turismo rurale e culturale nel Biellese ed uno strumento per favorire l’approccio dei Biellesi con “il mondo esterno”.

Attraverso varie forme di intervento ludico, culturale e sportivo, è nostro desiderio diffondere e mantenere viva la cultura della valle, la conoscenza attiva del bosco e dell’eco-sistema montano e proporre progetti che, creando attività, contribuiscano ad evitare lo spopolamento dei paesi montani.

 “L’ORSO CHE CAMMINA” nasce per far conoscere ai soci un modo diverso di affrontare un viaggio, una vacanza o un’escursione.

Un viaggio deve essere sicuro e ben organizzato ma, invece di “ingrassare” una multinazionale, può contribuire allo sviluppo di un operatore locale.

Una vacanza, naturalmente, deve essere divertente e interessante ma può essere molto più coinvolgente se vissuta a contatto con la gente del luogo, con il loro modo di vivere quotidiano e con le loro tradizioni e, oltre a favorire lo sviluppo economico diretto di quel luogo,  ci darà una conoscenza molto più profonda e reale di quel territorio.

Un’escursione, anche sul proprio territorio, non lontano da casa deve essere condotta in sicurezza da una guida e affrontare percorsi stimolanti, ma sarà senz’altro più interessante e divertente se ad accogliervi e ad accompagnarvi ci sarà la gente del posto con le sue usanze, la cucina tipica ed i prodotti locali: questo darà a voi una comunione più profonda con il posto visitato e permetterà a chi lo promuove di poter continuare a farlo, evitando di disperdere culture e tradizioni antiche.

Un turismo più responsabile, solidale, diverso dalle “vacanze forzate” proposte dai posti di villeggiatura più consumistici, con prezzi adeguati e trasparenti è la proposta che “L’ORSO CHE CAMMINA” rivolge a tutti i soci.

Il contesto del settore

 Dall’esplosione dei consumi di massa e dalla possibilità di accedere alle informazioni su luoghi e culture, il viaggio è diventato elemento centrale di svago e conoscenza.

La congiuntura economica sembra influire non tanto sulla quantità dei viaggiatori ma sulle destinazioni e la durata del viaggio.

 Dai dati ufficiali si evince che tra il 1992 e il 2004 la spesa delle famiglie italiane per vacanze organizzate è cresciuta del 23%. Nel 2005, su 340 milioni di presenze nel nostro Paese, 200 milioni erano italiani. E il tutto all’insegna della vacanza “di prossimità”: nel 2003 la vacanza media dell’italiano era di 6,6 giorni per i viaggi in Italia.

Cresce moltissimo l’attenzione ai costi ma anche alla qualità della proposta (agriturismi, viaggi benessere, cibi sani e caratteristici, etc.), mentre per quanto riguarda il viaggio all’estero si fanno strada le richieste di viaggi responsabili, culturali, di qualità. Sempre con un occhio attento ai costi (indicativo che la durata media delle vacanze all’estero degli italiani è di 8,8 giorni).

 Pur crescendo i viaggi cosiddetti “fai da te”, spinti dallo sviluppo del web e dalla maggiore capacità del viaggiatore di conoscere i territori di destinazione, è ancora molto forte la tendenza ad affidarsi a strutture organizzate “di fiducia”.

Turismo Culturale

Il radicamento territoriale, la vocazione di promozione del territorio e delle forme associative più interessanti si sposano con la volontà di sostenere le strutture di accoglienza più vicine al nostro concetto di viaggio sostenibile. Il territorio è il nostro baricentro e l’azione del progetto turismo avrà come obiettivo dichiarato lo sviluppo di proposte di turismo culturale che coniughino la scoperta di pratiche sociali ed economiche e delle tradizioni locali, con l’innovazione delle nuove forme di viaggio sostenibile. Con una particolare attenzione alla qualità della proposta e al costo della stessa.

Turismo Responsabile

Tra i percorsi più interessanti scaturiti dalla critica ai modelli del turismo “insostenibile” di massa, c’è sicuramente il cosiddetto turismo responsabile, attento alla sostenibilità ambientale e sociale delle attività di viaggio. Molti operatori specializzati in questo tipo di proposte sono cresciuti. AITR, l’associazione Italiana per il turismo responsabile, è un soggetto di elaborazione interessante, con cui il 27 e 28 settembre 2006 è stato sottoscritto il “Manifesto di Penne” che individua gli ambiti di azione che vanno nella direzione del nostro lavoro.

Turismo in rete

La relativa facilità di comunicazione e di diffusione delle notizie via web costituirà il mezzo utilizzato per far conoscere la nostra iniziativa e per ricevere contatti e prenotazioni.

Il logico sviluppo del nostro progetto è la realizzazione di un e-book in rete, che raccolga i vari itinerari, le mappe, le caratteristiche e le particolarità del viaggio, con l’indicazione, per ogni escursione, di una attività artigiana o artistica da visitare e di un posto di ristoro con un menu caratteristico a prezzo concordato

 “L’ORSO CHE CAMMINA” ha eletto come sua mascotte l’orsetto “GHIGNARELL”, (nome di uno degli gnomi abitanti nelle valli biellesi, con il preciso intento di favorire il recupero di tutte quelle forme di cultura etnica tramandate nei tempi) ed ha aderito all’Associazione “La Boscaglia” (www.boscaglia.it) che ha appena costituito il gruppo BoscagliaPiemonte.

Le prime attività proposte riguardano:

         * Trekking a piedi estivo di uno o più giorni

         * Trekking invernale con le racchette da neve

         * Nordic Walking

         * Campi scuola per giovani :  conoscenza del bosco

                                                           ecosistema montano

                                                           tradizioni popolari ( cultura, ballo,

                                                          musica)

         * Stages giornalieri su:           conoscenza della flora e della fauna

                                                          locale

        * Escursioni geologiche

Saranno da sviluppare anche le attività di “outgoing”, cioè quelle dirette verso l’esterno, con la preparazione di viaggi sia indipendenti che in collaborazione con altre realtà similari già attive sul territorio (Basaglia in viaggio di Torino, Viaggi e miraggi di Treviso ecc..)

N.B.

Tutte le attività sono praticate con esperti del settore e le escursioni sono guidate da una guida ambientale escursionistica professionista della GAE.

 

Progetto Sviluppo Turismo

L’organizzazione “L’ORSO CHE CAMMINA” nasce dall’impegno di alcuni soci del Circolo “W. Frignani” di Biella Vandorno, con l’intento di diventare un polo di attrazione per il turismo rurale e culturale nel Biellese ed uno strumento per favorire l’approccio dei Biellesi con “il mondo esterno”.

Attraverso varie forme di intervento ludico, culturale e sportivo, è nostro desiderio diffondere e mantenere viva la cultura della valle, la conoscenza attiva del bosco e dell’eco-sistema montano e proporre progetti che, creando attività, contribuiscano ad evitare lo spopolamento dei paesi montani.

 “L’ORSO CHE CAMMINA” nasce per far conoscere ai soci un modo diverso di affrontare un viaggio, una vacanza o un’escursione.

Un viaggio deve essere sicuro e ben organizzato ma, invece di “ingrassare” una multinazionale, può contribuire allo sviluppo di un operatore locale.

Una vacanza, naturalmente, deve essere divertente e interessante ma può essere molto più coinvolgente se vissuta a contatto con la gente del luogo, con il loro modo di vivere quotidiano e con le loro tradizioni e, oltre a favorire lo sviluppo economico diretto di quel luogo,  ci darà una conoscenza molto più profonda e reale di quel territorio.

Un’escursione, anche sul proprio territorio, non lontano da casa deve essere condotta in sicurezza da una guida e affrontare percorsi stimolanti, ma sarà senz’altro più interessante e divertente se ad accogliervi e ad accompagnarvi ci sarà la gente del posto con le sue usanze, la cucina tipica ed i prodotti locali: questo darà a voi una comunione più profonda con il posto visitato e permetterà a chi lo promuove di poter continuare a farlo, evitando di disperdere culture e tradizioni antiche.

Un turismo più responsabile, solidale, diverso dalle “vacanze forzate” proposte dai posti di villeggiatura più consumistici, con prezzi adeguati e trasparenti è la proposta che “L’ORSO CHE CAMMINA” rivolge a tutti i soci.

Il contesto del settore

 Dall’esplosione dei consumi di massa e dalla possibilità di accedere alle informazioni su luoghi e culture, il viaggio è diventato elemento centrale di svago e conoscenza.

La congiuntura economica sembra influire non tanto sulla quantità dei viaggiatori ma sulle destinazioni e la durata del viaggio.

 Dai dati ufficiali si evince che tra il 1992 e il 2004 la spesa delle famiglie italiane per vacanze organizzate è cresciuta del 23%. Nel 2005, su 340 milioni di presenze nel nostro Paese, 200 milioni erano italiani. E il tutto all’insegna della vacanza “di prossimità”: nel 2003 la vacanza media dell’italiano era di 6,6 giorni per i viaggi in Italia.

Cresce moltissimo l’attenzione ai costi ma anche alla qualità della proposta (agriturismi, viaggi benessere, cibi sani e caratteristici, etc.), mentre per quanto riguarda il viaggio all’estero si fanno strada le richieste di viaggi responsabili, culturali, di qualità. Sempre con un occhio attento ai costi (indicativo che la durata media delle vacanze all’estero degli italiani è di 8,8 giorni).

 Pur crescendo i viaggi cosiddetti “fai da te”, spinti dallo sviluppo del web e dalla maggiore capacità del viaggiatore di conoscere i territori di destinazione, è ancora molto forte la tendenza ad affidarsi a strutture organizzate “di fiducia”.

Turismo Culturale

Il radicamento territoriale, la vocazione di promozione del territorio e delle forme associative più interessanti si sposano con la volontà di sostenere le strutture di accoglienza più vicine al nostro concetto di viaggio sostenibile. Il territorio è il nostro baricentro e l’azione del progetto turismo avrà come obiettivo dichiarato lo sviluppo di proposte di turismo culturale che coniughino la scoperta di pratiche sociali ed economiche e delle tradizioni locali, con l’innovazione delle nuove forme di viaggio sostenibile. Con una particolare attenzione alla qualità della proposta e al costo della stessa.

Turismo Responsabile

Tra i percorsi più interessanti scaturiti dalla critica ai modelli del turismo “insostenibile” di massa, c’è sicuramente il cosiddetto turismo responsabile, attento alla sostenibilità ambientale e sociale delle attività di viaggio. Molti operatori specializzati in questo tipo di proposte sono cresciuti. AITR, l’associazione Italiana per il turismo responsabile, è un soggetto di elaborazione interessante, con cui il 27 e 28 settembre 2006 è stato sottoscritto il “Manifesto di Penne” che individua gli ambiti di azione che vanno nella direzione del nostro lavoro.

Turismo in rete

La relativa facilità di comunicazione e di diffusione delle notizie via web costituirà il mezzo utilizzato per far conoscere la nostra iniziativa e per ricevere contatti e prenotazioni.

Il logico sviluppo del nostro progetto è la realizzazione di un e-book in rete, che raccolga i vari itinerari, le mappe, le caratteristiche e le particolarità del viaggio, con l’indicazione, per ogni escursione, di una attività artigiana o artistica da visitare e di un posto di ristoro con un menu caratteristico a prezzo concordato

 “L’ORSO CHE CAMMINA” ha eletto come sua mascotte l’orsetto “GHIGNARELL”, (nome di uno degli gnomi abitanti nelle valli biellesi, con il preciso intento di favorire il recupero di tutte quelle forme di cultura etnica tramandate nei tempi) ed ha aderito all’Associazione “La Boscaglia” (www.boscaglia.it) che ha appena costituito il gruppo BoscagliaPiemonte.

Le prime attività proposte riguardano:

         * Trekking a piedi estivo di uno o più giorni

         * Trekking invernale con le racchette da neve

         * Nordic Walking

         * Campi scuola per giovani :  conoscenza del bosco

                                                           ecosistema montano

                                                           tradizioni popolari ( cultura, ballo,

                                                          musica)

         * Stages giornalieri su:           conoscenza della flora e della fauna

                                                          locale

        * Escursioni geologiche

Saranno da sviluppare anche le attività di “outgoing”, cioè quelle dirette verso l’esterno, con la preparazione di viaggi sia indipendenti che in collaborazione con altre realtà similari già attive sul territorio (Basaglia in viaggio di Torino, Viaggi e miraggi di Treviso ecc..)

N.B.

Tutte le attività sono praticate con esperti del settore e le escursioni sono guidate da una guida ambientale escursionistica professionista della GAE.